Seguici su Twitter
Seguici su Facebook
Invia una mail


Letture

L'emergere della coscienza ”io”

Da Ego di Vimala Thakar

Considerate il cruciale punto di svolta avvenuto nell'esistenza della specie umana. Un bambino nasce e gli diamo un nome, a seconda se il suo corpo è maschio o femmina. Ripetiamo continuamente questo nome, chiamiamo il bambino decine di volte al giorno, e nel bambino inizia il processo subconscio di identificazione con il nome. Denominiamo le caratteristiche del suo corpo e della sua mente, i suoi movimenti fisici e le espressioni dei suoi movimenti cerebrali. Il bambino assorbe queste denominazioni, queste caratteristiche che si sente assegnare, e così crea sempre più identificazione con il nome, con le caratteristiche e le qualità. Mi è stata posta la domanda: “Quando emerge la coscienza io? Come si struttura la coscienza egoica?”. Indaghiamo. Nessuno dice al bambino che il suo nome è stato dato al suo corpo. La vita che pulsa nel corpo non è denominabile e non è misurabile. Possiamo misurare le qualità e metterle a confronto, giudicarle, ma come potremmo misurare la vita che pulsa nel corpo? ”Ciò che non si rivela con le parole, ma che rivela le parole, sappi che solo questo è il brahman, e non ciò che gli uomini venerano come un oggetto. “ Ciòche non si può comprendere con la mente, ma che comprende la mente, sappi che solo questo è il brahman, e non ciò che gli uomini venerano come un oggetto. “ Ciò che non si può udire con le orecchie, ma grazie al quale le orecchie odono, sappi che qesto solo è il brahman, e non ciò che gli uomini venerano come un oggetto”. Il brahman è l'unità indivisa della vita e il bambino è la manifestazione individualizzata di questa unità, è il brahman che si è compassionevolmente manifestato in una forma limitata al cui interno ontinua a pulsare. E' la danza del manifesto e dell'immanifesto. Fritjof Capra chiama questa interazione tra le innumerevoli energie dell'universo la “ danza di Siva” o il “ Tao della fisica”. Oggi la fisica è sulla soglia della metafisica e la mistica odierna, e la base della spiritualità di domani. ma nessuno dice al bambino che oltre il corpo, al nome, alla qualità, ai condizionamenti e a tutto ciò che è misurabile, siamo qualcosa che non è denominabile ne misurabile. Forse è questa l'essenza del nostro essere, e il corpo è solo la scorza esterna che racchiude il cervello, la mente, il recinto interno nel tempio del corpo. Ma in quella dimora risiede la totalità non denominabile, non misurabile e non descrivibile della vita, che possiede la luce, il calore, il movimento e la creatività per esprimersi in innumerevoli modi. E' il nostro universo. L'universo, il mondo manifestato, è quindi una copertura del divino che si nascnde per gioco dietro i molti, dietro l'innumerevole varietà delle forme.

 

Tesi del corso di formazione di Faleria - anno 2006 - 2010 [vai alla pagina]

"Preparare il terreno" da Vivere di Vimala Thakar [leggi]

"dell'hatha yoga" Parole di Sri Anandamayi Ma, Cap. X  [leggi]

Al di là dell'io - Alla ricerca del Sè - Arnauld Desjardins leggi

 


athayoganusasanam